Password dimenticata?                 
Ricerca tra le scene di film
 

Scarica gratis

lo special report









e iscriviti alla newsletter

  • Il Cinema insegna rispetta la tua privacy e combatte lo spam: potrai cancellare la tua iscrizione con un click sul link in fondo alle nostre email oppure scrivendoci una mail.
Scarica Convincili con un film Leadership Il Gladiatore Management Wall Street Coaching La leggenda di Bagger Vance Formazione L'attimo fuggente Negoziazione Il Negoziatore
 
Promozione

 

Ultimi commenti

  • Adrea
    ...ho notato che i commenti non funzionano. anche l'altra volta ne ho lasciato uno, ma non si vede ...
    Il potere della verità bisbigliata
    Mercoledì 17 Dicembre 2014
  • salvatore
    ottimo articolo e scelta della scena. Si possono infatti vedere evidenziate molte tecniche di negozi...
    Il Negoziatore
    Mercoledì 15 Ottobre 2014
  • SuperMario
    Se osservate attentamente la natura nel suo continuo ripetersi Vi accorgerete che mai un fiore, una ...
    Il cambiamento è costante
    Sabato 04 Ottobre 2014
 
 
Visita il Canale Youtube Il Cinema Insegna
 
 
Collegati al Profilo Linkedin Il Cinema Insegna
 
 
Seguici su Twitter Il Cinema Insegna
 
 
Collegati al Profilo Google Plus Il Cinema Insegna
 
 
Scarica la App Apple
 
 
Scarica la App Android
 
Podcast Il Cinema Insegna su Newliferadio

Il successo riguarda i progressi

Di Virginio De Maio   
Il mio cuore ricolmo
GUARDA LA SCENA

Questo spezzone tratto dal film “Friday Night Lights” sembra quasi un tentativo mal riuscito di imitare “Ogni maledetta domenica”, la famosa scena in cui Al Pacino motiva i giocatori negli spogliatoi. Quel pezzo è talmente abusato nel mondo della formazione, che a guardarlo mi procura l’effetto contrario.

Tornando alla scena proposta, ho deciso di recensirla perché alcuni passaggi risuonano con le mie corde.

La perfezione ad esempio.

“La perfezione non ha niente a che spartire con il tabellone, non è vincere. Riguarda noi stessi e come ci comportiamo con le nostre famiglie, con i nostri amici. Essere perfetti significa poter guardare gli amici in faccia e sapere che non li abbiamo delusi, perché gli abbiamo detto la verità e abbiamo fatto tutto quello che eravamo in grado di fare. Non c’era niente di più che avremmo potuto fare. Riuscite a vivere con questo spirito? Al meglio che potete, con sguardo limpido? E l’amore nei vostri cuori? con la gioia nel cuore? Se riuscite a fare questo signori, allora sarete perfetti!”


39
      
3
      
4
      
0
      
3
      
Leggi tutto...
 

Ascolta e rifletti

Di Virginio De Maio   
Ascolta e rifletti
GUARDA LA SCENA

Quattro minuti e mezzo che accarezzano l’anima, ti sollevano lo spirito e lasciano pensare che sei perfetto così come sei, non devi far altro che essere te stesso.
Molla le aspettative, smettila con i rimproveri, azzera il volume del tuo dialogo interno. Per una volta ascolta le parole di Charles. Non c’è bisogno di fare la vittima, non c’è bisogno di biasimarti. Devi essere esausto; l’autocommiserazione è così logorante.

Tutti i problemi della nostra vita, come nel film “Moms night out”, sono il riflesso della nostra autostima. Non vali abbastanza? Per chi? Se tu accettassi l’idea secondo la quale chi ci ha creati lo ha fatto senza paragonarci a nessun altro, senza aspettarsi nulla da noi, se non seguire la nostra natura; ecco se tu accettassi quest’idea di perfezione, allora, all’improvviso, basteresti a te stesso e l’amore esploderebbe in una condizione spontanea e naturale.

Un dialogo trasformativo quello che avviene tra i due protagonisti, e che nella nostra vita potrebbe emergere da un rapporto di amicizia, oppure un rapporto professionale come quello tra il coach e il coachee. Parole semplici che influenzano positivamente la nostra autostima.

 
53
      
4
      
4
      
2
      
5
      
Leggi tutto...
 
Inizio
Prec.
1




Il Cinema Insegna

CMS House, Third Floor - St. Peter's Street
San Gwann SGN 2310 - Malta
VAT. Reg. No. MT2105-9614

Copyright © 2014 - Design zednet.it

Scrivici una Email Contattaci su Skype Feed RSS English version