Scena sulla fisica quantistica: Sei luce

946
Tema Principale Utilizzalo anche per

Di Virginio De Maio

GUARDA LA SCENA

Quando starà per finire, tutto avrà un senso. La forza della vera saggezza sarà comprendere che tutti siamo uniti dalla luce, come Jessica nel film “Storia d’Inverno”, forse lo capiremo solo quando i nostri affanni e le nostre preoccupazioni svaniranno davanti alla morte.

Lei, gravemente ammalata, non ha più nulla che la preoccupi:

La febbre fa diventare tutto più bello, anche adesso vedo i raggi del sole invernale che vorticano nella stanza e che formano dardi  argentati, raggi lucenti e stelle dorate, riflettendosi su questi vetri ottici e sulle vetrate di ognuna delle finestre, illuminando ciascuno di noi. Più peggiora la malattia, più vedo chiaramente che ogni cosa è collegata dalla luce”.

Cosa è la malattia? Nel film, quella che affligge Jessica è la “consunzione”, una specie di degenerazione irreversibile degli organi.

Metaforicamente nella nostra vita la malattia potrebbe avere un’accezione positiva: la malattia è un modo diverso di vedere le cose, rompe la consuetudine, la routine e ci costringe a valorizzare l’essenziale e a rivedere le priorità.

Diceva Seneca: Ci lamentiamo sempre che i nostri giorni sono pochi, ed agiamo come se non ci fosse mai fine ad essi.

La “consapevolezza di sé” è profondamente influenzata da ciò che ci circonda, e giorno dopo giorno costruiamo la nostra “consuetudine”. Ma chi siamo veramente? Di cosa siamo fatti? Perché l’universo ci ha dotati di una coscienza a differenza degli altri esseri viventi? La fisica quantistica sta cercando di dare risposte in maniera scientifica, le diverse religioni si appellano alla fede, ma una cosa è certa: “ogni cosa è collegata dalla luce”.

Ci sono dei momenti in cui il tempo sembra sospeso e tutto appare più chiaro:

  • quando guardi i tuoi figli
  • quando aiuti un amico e gioisci per lui
  • quando tolleri un errore
  • quando scegli la solitudine
  • quando rendi grazie

Forse sono solo momenti che non durano molto, istanti di “malattia” che ti aprono gli occhi e illuminano ciò che è eterno ed è sempre stato: l’amore per la vita, per te stesso e per gli altri. Ora è difficile capirlo, siamo ancora troppo “sani”, ci attacchiamo alle cose e alle idee, come se non esistesse altra “interpretazione” all’infuori di noi.

Ogni volta che cado in questa “presunzione”, ascolto la canzone del maestro Guccini “Stelle” che sul finale recita così:

(Le stelle) C’ erano ancora prima del respiro, ci saranno alla nostra dipartita,
forse fanno ballare appesa a un filo la nostra vita
e in tutto quel chiarore sterminato, dove ogni lontananza si disperde,
guardando quel silenzio smisurato l’uomo… si perde…

Condividi

P.S.: tutte le scene per motivare te stesso e gli altri le trovi nella nostra membership, qui trovi le nostre promozioni:

https://www.ilcinemainsegna.it/iscrizione

“…se caso mai non vi rivedessi…
  
buon pomeriggio, buona sera e buona notte!”…
 

(The Truman Show)

Virginio

Acquista il film

Storia d'Inverno“Storia d’inverno Un film di Akiva Goldsman con Colin Farrell, Jessica Brown Findlay, William Hurt – Titolo originale “Winter’s Tale”. USA, 2014

Acquista il libro

Felici Più di Dio di Neale Donald WalschFelici Più di Dio di Neale Donald Walsch – Acquistalo su macrolibrarsi.it

3 commenti

  • Andrea 2 anni fa

    Sempre modi diversi per farci riflettere. I misteri della vita sono infiniti e guai a smettere di “chiedersi”
    I vostri articoli sono un altro modo per aprire la mente e guardare ciò che mi accade in maniera distaccata .
    Grazie ,
    Andrea

    Rispondi
  • Virginio De Maio 2 anni fa

    Grazie a te Andrea.
    siamo contenti di poter contribuire a questo tipo di risveglio. Partiamo tutti da una condizione di nostra consapevolezza …che poi diventa inconsapevolezza, dal momento che non sappiamo cosa c’è oltre i nostri consueti modi di vedere la realtà.
    Alla prossima

    Rispondi
  • jose 2 anni fa

    wowwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwwww ^_^

    Rispondi

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679