Scena sull’integrazione: la diversità è ricchezza

46593

Protagonista del film “L’ospite inatteso” è Walter Vale, professore universitario di economia di un piccolo ateneo del Connecticut. Rimasto vedovo, passa il tempo libero cercando di imparare a suonare il piano dell’amata moglie. Costretto per cause di forza maggiore, si reca a New York per un convegno e, rientrato nel suo appartamento, in cui non metteva piede da tempo, lo trova occupato da una giovane coppia clandestina: lui, Tarek, siriano, suona il djembe in un gruppo jazz, lei, Zainab, senegalese, disegnatrice di gioielli. Dopo lo sgomento iniziale, Walter invita i due a restare. E’ l’inizio di una profonda fase di cambiamento.

Nella prima delle due scene selezionate, un impacciato Walter inizia a covare dentro di sé la voglia di “cambiare”.  Solitario e pragmatico, inizia a riscoprirsi insofferente e bisognoso di un nuovo slancio, di nuova vitalità, così si approccia timidamente al djembe del suo “inquilino”. Con la semplicità e la spontaneità che lo contraddistingue, sarà il linguaggio della musica a fare da ponte tra i due e a segnare l’inizio di un’autentica amicizia interculturale.

“Siediti, coraggio, ti faccio vedere”

Tarek insegna a Walter a suonare il djembe e non solo. Gli insegna che “pensare incasina tutto”, che suonare “in 3 tempi” può essere un’alternativa ai 4 tempi della musica classica.

“Dimentica la musica classica, lasciala perdere”

Con naturalezza e accoglienza Tarek aiuta Walter a farsi spazio nel suo mondo, nella sua cultura e con la stessa naturalezza lo convince ad unirsi ad una performance multietnica di percussioni a Central Park. E Walter lo lascia fare.

“Andiamo Walter, è facile, devi farlo quando te la senti”

A 70 anni esatti dalla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, questo film vuole invitarci a riflettere che la diversità è ricchezza e possibilità di ampliare la nostra visione del mondo e delle persone che lo abitano, compresi quei nuovi vicini o quei nuovi colleghi che ci  sembrano un po’ degli “alieni”. Basterebbe superare quelle barriere che troppo spesso, forse anche inconsciamente, poniamo tra noi e il “nuovo”, per scoprire che dall’ “altro” abbiamo tanto da imparare e a cui insegnare.

Purtroppo rapportarci  con ciò che è “imprevisto” oggi è ancora un fattore culturale cruciale per la nostra società che, sebbene così “globalizzata”, rimane ancora “vittima” di pregiudizi razziali e culturali.

Il suono ritmico e coinvolgente di uno djembe non salverà il mondo ma ha “rivoluzionato” la vita di Walter. Ancora una volta nel mondo del cinema, che della vita reale è specchio e rappresentazione, il potere della musica si sostituisce all’ambiguità delle parole e consente di vedere al di là del colore della pelle. La musica si fa veicolo di umanità e conoscenza reciproca, che arricchisce, non impoverisce, dà, non toglie.

Non solo un immigrato che cerca di farsi spazio in una nuova città e una nuova cultura impreziosendola con i propri suoni e colori, ma anche un perfetto “ordinary man” che ritrova il gusto di vivere e la forza di “re-integrarsi” nel presente, nella sua città in continuo mutamento, in nuove relazioni e nella propria vita. Due vite, apparentemente diverse e distanti, arrivano a completarsi.

“L’integrazione è un’operazione che si fa in due. Non ci si integra da soli. Integrarsi non significa rinunciare alle componenti della propria identità di origine ma adattarle a una nuova vita in cui si dà e si riceve.”

Per capirlo, basta mettere da parte i pacati, regolari e rassicuranti 4 tempi della musica classica e lasciarsi andare a un ritmo ternario, imprevedibile sì, ma dinamico e coinvolgente.

Condividi

Acquista il film

Scena sull'integrazione tratta dal film "L'ospite inatteso"L’ospite inatteso (The Visitor) è un film del 2007 diretto da Tom McCarthy. Per la sua interpretazione il protagonista Richard Jenkins ha ricevuto una nomination ai premi Oscar 2009 nella categoria miglior attore protagonista.

Acquista il libro

Scena sull'integrazione tratta dal film "L'ospite inatteso"“I Cinque Livelli dell’Attaccamento – Stai usando la conoscenza o la conoscenza sta usando te?” di Don Miguel Ruiz – Acquistalo su Macrolibrarsi.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679