Scena sulla prevenzione degli incidenti: la tempesta perfetta

63655
Tema Principale Utilizzalo anche per

Di Andrea Bottani

A seguito di un incidente l’essere umano è pervaso dalla necessità di ottenere risposte.

E’ un bisogno che nasce dall’aspetto emotivo della vicenda, dalla difficoltà di accettare le conseguenze spesso tragiche e dalla volontà di dare una spiegazione all’accaduto.

Tra gli incidenti, quelli che accadono sui luoghi di lavoro sono i più emblematici di questo sentimento, e più gravi sono le conseguenze sulle persone coinvolte, maggiormente l’opinione pubblica pretende risposte che spesso coincidono con l’individuazione di uno o più COLPEVOLI.

Una buona attività aziendale di prevenzione, tesa cioè a evitare che incidenti analoghi accadano nuovamente, deve invece in primis imparare a farsi le giuste domande, ed in particolare la seguente:  Quale è stata la CAUSA?

Nella scena in questione, analizzata dettagliatamente dai due detective, è individuata una circostanza (un evento meteorologico come la formazione del ghiaccio) che crea le condizioni (caduta della bambina e conseguente movimento in avanti del padre) per il verificarsi dell’ incidente (panico nella folla e conseguenze addirittura letali).

Lo spargimento del sale (misura di prevenzione) avrebbe evitato il crearsi delle condizioni, ma non abbiamo la certezza che non si sarebbe arrivati comunque alla medesima conclusione: si tratta quindi di un intervento necessario ma non sufficiente.

La misura di prevenzione individuata si riferisce, infatti, unicamente a QUESTO scenario: per elaborare delle azioni preventive globalmente efficaci è necessario ipotizzare TUTTI GLI SCENARI possibili,  inserendo tutte le circostanze e le variabili che, in un’analoga situazione (FOLLA), avrebbero potenzialmente portato alla medesima conseguenza (PANICO), come ad esempio un tentativo di rapina, un temporale, o semplicemente l’apertura improvvisa delle porte.

“Quando la bambina è scivolata sul ghiaccio, si è messo in moto tutto.”

“Aggiungendo la negligenza delle guardie di sicurezza e la mentalità della folla, abbiamo la tempesta perfetta”.

Per costruire gli scenari e impedire la creazione della tempesta perfetta occorre quindi un approccio sistemico: secondo la teoria Man Mad Disaster (1978) di Turner:

i disastri hanno un periodo d’incubazione; prima del disastro c’è un lungo periodo in cui si costruisce il potenziale per il disastro. Questo periodo contiene eventi non notati o trascurati che sono in conflitto con le convinzioni date per scontate riguardo i pericoli e le norme per il loro evitamento.”.

Attualizzando la teoria di Turner, gli scenari possibili si costruiscono più facilmente basandosi sulla raccolta e l’analisi dei Near Miss, vale a dire di tutti quegli eventi che avrebbero potuto causare danno alle persone, ma solo per condizioni favorevoli e/o casuali, non li hanno prodotti.

Studiare i Near Miss significa attribuire un’importanza cruciale a tutte quelle situazioni, spesso trascurate, in cui “è andata bene…”, “c’è mancato poco…”, “cosa vuoi che succeda…”, “abbiamo sempre fatto così…”; è un processo complesso ma allo stesso tempo presenta per chi lo attua una serie di oggettivi vantaggi:

Quantitativi: il campione di eventi che non hanno portato a conseguenze gravi, è numericamente molto superiore agli incidenti che si concretizzano (Piramide di Heinrich); avere più dati permette di migliorare l’analisi;

Qualitativi: il campione, oltre ad essere più ampio, presenta casistiche estremamente diversificate al suo interno, permettendo quindi la costruzione di molteplici scenari, sia verificatisi del tutto o in parte) sia totalmente ipotetici;

Operativi: l’analisi dei Near Miss è un’attività di monitoraggio continuo che può essere definita, programmata e rivalutata nel tempo per migliorarne l’efficacia, a differenza di un’analisi effettuata di fretta nell’immediatezza di un incidente che sfocerà molto probabilmente in un giudizio sommario e poco utile al miglioramento.

Emotivi: l’analisi di un incidente che è rimasto allo stato potenziale  ha il banale ma enorme vantaggio del non essersi verificato: non avere a che fare con infortuni gravi permette di avere maggiore serenità e razionalità nell’analisi, evitando i giudizi emotivamente influenzati da eccessi (come il già citato colpevolismo), e di perdere di vista gli obiettivi finali (ricerca delle cause ed individuazione degli interventi necessari).

Sociali: una buona analisi dei Near Miss prevede la partecipazione diretta di chi è direttamente esposto ai rischi e coinvolto negli scenari, vale a dire i lavoratori; il loro coinvolgimento, accompagnato da politiche di supporto e protezione come indicato nella ISO 45001:2018, permette di avere più punti di vista “reali”, facilitando l’individuazione delle cause, la scelta di misure correttive e non ultimo aumentando il senso di appartenenza del lavoratore nei confronti dell’azienda.

Condividi

Acquista il film

  “Lie to Me” è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2009 al 2011. Acquistalo su Amazon 

Acquista il libro

Manuale di Sicurezza Personale – Urban survival“, Chris McNab , Joanna Rabiger- Acquistalo su IlGiardinoDeiLibri.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679