Scena sulla leadership: stiamo costruendo una cattedrale!

66228

E’ proprio in questi casi che il modo in cui si esercita la leadership può fare la differenza e sostenere le persone nel raggiungere la meta nonostante le difficoltà .

Cosa rende inefficace la modalità di gestione del team agita dal primario Marco Sardoni?

E come fa invece, Andrea Fanti, medico declassato ad aiuto degli specializzandi, a ispirare la squadra all’azione?

Partiamo da Marco e dai comportamenti che agisce :

  • minaccia “dammi una spiegazione per quello che è successo o ti sbatto fuori” utilizzando il potere gerarchico;
  • di fronte ad un errore cerca uno o più colpevoli “perché nessuno lo ha aiutato? Dov’ è Lazzarini? Lorenzo?  Giulia tu dov’eri?
  • perde il controllo e alza la voce quando non ha contenuti per sostenere le sue obiezioni “lo devi dire a Teresa, non è un problema nostro!
  • cerca di creare alleanza contro un “nemico esterno” quando si accorge di non avere nessuna influenza sulle persone: “lo so che siamo tutti sotto pressione ma non possiamo cedere proprio adesso, il nostro reparto è sotto osservazione, noi oggi dobbiamo tentare di ottenere il massimo dei risultati”

Non accade nulla. Anzi il clima precipita ulteriormente.

Quante volte anche tu hai subito o agito questi comportamenti? Che impatto hanno avuto?

Dal fondo della stanza Andrea, che ascoltava in silenzio, esordisce con una domanda che spiazza Sardoni e forse anche noi:

perché hai deciso di fare il medico Marco? …per compiacere i parenti? per ottenere il massimo dei risultati?

La voce si fa calda e profonda: “le cose sono le stesse dai tempi di Ippocrate, ci siamo noi e c’è quella grandissima stronza della morte.  Ci sono giornate come questa dove sembra inarrestabile lo so.  Ma non è così perché ci siamo noi. Tutti i libri che abbiamo letto, tutto lo studio, la pratica, la teoria è servito tutto a guardarla in faccia e dirle: NON OGGI!  Non importa quanto siano disperate le condizioni di un paziente, NON OGGI! Non importa se neanche i pazienti ci credono più, NON OGGI! Qualcuno di noi cederà, altri reggeranno bene la pressione ma non importa noi oggi dobbiamo aiutarci … voi dovete ricordarvi sempre perché siamo quiper metterci in mezzo tra i pazienti e la stronza, questo è essere medici.

Arriva un’altra ambulanza e la squadra ora è davvero  pronta per ripartire.

La leadership esercitata da Andrea è una leadership capace di ispirare, è una leadership che  sa dare alla squadra un senso di appartenenza e uno scopo che trascende gli incentivi esterni o i vantaggi da conquistare, Andrea sa dare un perchè.  Non è infatti sufficiente a generare identificazione e a muovere le persone asserire che il reparto è sotto osservazione. Preservare il reparto è un risultato non un perché. Andrea  ricorda invece ai suoi colleghi  perchè fanno i medici, qual è la causa o il credo che guida la loro carriera: preservare e salvare vite umane. Permette a chi ha valori simili di potersi immediatamente riconoscere.

I leader capaci di farci sentire ispirati sono proprio quei leader che ci fanno sentire parte di un progetto più grande e proprio quel sentimento ci sostiene e ci mantiene in rotta nei momenti di pressione e di difficoltà.

Marco Sardoni in primis non sembra evidenziare una chiara consapevolezza del perché la sua organizzazione esiste e del perché lui ha scelto di fare il medico: chissà aveva passione per il camice bianco; e tale mancanza si declina nelle parole e nei comportamenti che agisce rispetto alla sua squadra.

Andrea invece ha chiara la ragione che lo spinge a fare le cose e questo gli permette di muovere all’azione le persone che condividono le sue stesse aspirazioni. Esprime consapevolezza, coerenza e la trasmette con chiarezza.

A questo proposito utilizzando le parole di Sinek (Partire dal perché) viene naturale una riflessione ancora più ampia sul tema motivazione:

“Le grandi aziende non assumono persone qualificate per poi motivarle; assumono persone motivate e le ispirano. Le persone sono motivate o no lo sono. Se non date alle persone qualcosa in cui credere, qualcosa per cui lavorare che sia più grande delle loro mansioni, si motiveranno a cercare un nuovo lavoro e voi vi ritroverete solo con quelli che resteranno”

E non importa quale sia nello specifico il settore di business nel quale operiamo, il ruolo o il livello che ricopriamo. La ricordate la storia degli scalpellini?

Come vuole la leggenda, durante la costruzione della fabbrica di San Pietro, fu rivolta a turno a tre scalpellini la stessa domanda: “Che cosa stai facendo?

  • Come vedi, taglio e spacco le pietre, rispose il primo con noia e demotivazione
  • Guadagno da vivere per me e per la mia famiglia rispose il secondo palesando il risultato del suo operato
  • Sto costruendo una cattedrale! esclamò con fierezza il terzo

A fronte di una identica attività, quello che fa la differenza in termini di orgoglio e motivazione è il senso che si attribuisce a quell’attività e la consapevolezza di contribuire ad una causa superiore nella quale si crede e ci si riconosce.

Ed ora buona riflessione…

Perché la tua azienda esiste? E perché hai deciso di farne parte? E perché i tuoi collaboratori hanno scelto il loro lavoro?

Condividi

Acquista il film

“Doc – Nelle tue mani” è una serie televisiva italiana del 2020 diretta da Jan Maria Michelini e Ciro ViscoGuardalo su RaiPlay

Acquista il libro

“Partire dal  Perché – Come tutti i grandi leader sanno ispirare collaboratori e clienti“, Simon Sinek  – Acquistalo su IlGiardinodeiLibri.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679