Scena sulla gestione delle relazioni: saper disinnescare

63979

Il modo in cui gestiamo le relazioni, col partner o nei vari ambiti della nostra vita, influenza noi stessi e chi ci circonda.

In questo spezzone tratto dal filmPerfetti sconosciuti”, Eva, di professione psicoterapeuta, scopre casualmente che il marito Rocco ha iniziato da tempo un percorso di analisi senza dirle nulla. I due si confrontano su questo fatto e, in particolar modo, sui benefici che Rocco sta avendo dal percorso intrapreso. Importante a tale proposito è il passaggio in cui lui le spiega il suo principale apprendimento:

“Però una cosa l’ho imparata. Saper disinnescare”

“Cioè?”

“Non trasformare ogni discussione in una lotta di supremazia. Non credo che sia debole chi è disposto a cedere, anzi, lo trovo saggio. Le uniche coppie che vedo durare sono quelle dove uno dei due, non importa chi, riesce a fare un passo indietro. E invece sta un passo avanti.”

La parola stessa “disinnescare” nella sua etimologia rimanda al disattivare l’innesco della bomba che sta per esplodere; attingendo dal campo semantico elettrico disinnescare è far cessare la scarica elettrica variando le condizioni fisiche da cui è provocata, in senso lato abbassare la tensione.

Il meccanismo di disinnesco non elimina la gravità di una determinata situazione o di un fatto ma consente di gestirlo in modo più funzionale e costruttivo, evitando un crescendo conflittuale disfunzionale alla risoluzione del problema.

Ciascuno di noi ha imparato, nel tempo, a rispondere ad alcuni stimoli con delle reazioni automatiche. Solitamente si tratta di stimoli che attivano in noi stati emotivi sovente spiacevoli. La reazione che ne consegue, quindi, è un tentativo di gestire le emozioni negative che si provano in determinate circostanze. Anche se automatiche, queste reazioni non sono inevitabili. Si può infatti decidere di rispondere in modi diversi, più funzionali per noi e per l’altro. Il disinnesco aiuta proprio a fare questo.

Come poi Rocco testimonia nel suo discorso, colui che agisce il disinnesco, se a prima vista potrebbe apparire quello debole in quanto fa un passo indietro, è in realtà quello più forte ma soprattutto consapevole di sé e delle proprie emozioni, dei comportamenti che occorre agire affinché la relazione funzioni.

Questo non vale solamente nei rapporti di coppia ma in tutte le relazioni, anche professionali. Quanti conflitti ed “incidenti” avremmo potuto evitare se solo fossimo riusciti a fare un passo indietro al momento giusto, per poi magari riprendere l’oggetto della discussione in un secondo momento, con maggiore calma ed un differente approccio da entrambe le parti?

Condividi

Acquista il film

 ” Perfetti sconosciuti” è un film del 2016 diretto da Paolo Genovese. Acquistalo su Amazon

Acquista il libro

“Relazioni Efficaci – Come costruirle, come non pregiudicarle”, Thomas Gordon – Acquistalo su IlGiardinoDeiLibri.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679