Scena sulla fiducia: apri il tuo conto corrente

40456

L’uomo ha un vitale e primitivo bisogno di fidarsi del prossimo. In amicizia, in amore, nel lavoro, la fiducia è alla base di tutti i tipi di relazioni, non c’è rapporto che tenga se non possiamo fidarci degli altri e viceversa. La sensazione di fiducia è in grado di procurarci serenità, sicurezza ma, come ogni altra forte emozione che siamo in grado di concepire, è tanto desiderabile quanto temuta.

David, protagonista del film “L’uomo delle previsioni”, sta cercando di recuperare il proprio rapporto di coppia con la ex moglie Noreen. Decidono di affidarsi all’aiuto di una terapista e, come possiamo vedere nella scena sopra riportata, durante una delle sedute, sono chiamati a svolgere un esercizio di fiducia. Resistere alla tentazione di leggere cosa c’è scritto sul foglio consegnatogli dal partner,

“… e l’altra persona non gli darà mai un’occhiata … Mai! Questa è fiducia!”.

David, curioso, non ci pensa su due volte e, così facendo, rende vano il tentativo di recuperare la fiducia nel proprio rapporto di coppia.

“Tu lo hai guardato, sei un disonesto!”.

Come si fa a costruire delle relazioni di fiducia? E, soprattutto, come si fa a non tradire la fiducia degli altri? Se decidessimo di aprire un dibattito, sarebbe senza via d’uscita, ognuno cercherebbe di far valere le proprie idee, convinzioni ed esperienze in merito.

Voglio darti un suggerimento: apri il tuo conto corrente della fiducia e inizia ad investire!

Non è affatto una mia invenzione, bensì un’idea di Stephen R. Covey, autore del bestseller mondiale “Le sette regole per avere successo”. L’ idea dell’ “emotional bank account”, il conto corrente emozionale di cui parla Covey, si rivela utile per definire la qualità di un rapporto in termini di fiducia reciproca.

“La quantità di fiducia che è stata accumulata in una relazione ne determina il benessere”. Secondo l’autore, è uno degli ingredienti basilari per poter costruire legami stabili e sani.

Comportandoci onestamente, in modo corretto e rispettoso nei confronti degli altri, allo stesso modo del conto in banca, facciamo un deposito sul nostro conto corrente e il saldo aumenta. Immaginiamo invece il caso in cui, volontariamente o meno, decidiamo di non rispettare una promessa fatta, di tradire le aspettative o la fiducia di qualcuno, ciò equivarrebbe a “prelevare” dal conto corrente. David, col suo “prelievo”, ha mandato a monte ogni opportunità di ricucire il proprio rapporto di coppia, anzi ha creato un divario ancora più profondo. Se vogliamo che gli altri si fidino di noi, dobbiamo dar loro dei motivi validi per poterlo fare, prima di pretendere fiducia, agiamo concretamente in modo da meritarla.

David ha spudoratamente deciso di tradire la fiducia di Noreen e non ha esitato a rinfacciargli ciò che ha letto:

“Non era fantascienza, giusto per informazione. Almeno lo hai letto?”

La cosa più importante per lui sono le critiche mossegli dalla ex moglie sul suo libro e sembra non rendersi neanche conto del suo sbaglio. Per poter “sanare” il rapporto, ha reputato più utile sapere tutto, che fidarsi ciecamente. Mettendo in primo piano se stesso, piuttosto che il rispetto dell’altra persona, della sua volontà e, perché no, anche delle sue idee, ha “mandato in rosso” il conto.

“Voglio solo che la cosa funzioni, Noreen. Voglio solo sapere tutto per poterla fare funzionare, ecco perché io voglio riprovare!”.

Probabilmente a David manca il presupposto per potersi fidare degli altri, che è la fiducia in se stesso. È la sua insicurezza ad averlo portato a tradire le buone intenzioni dell’esercizio ed è ciò che spesso rovina le nostre relazioni.

Cosa aspetti? Riscopri la bellezza di dare fiducia e … apri oggi il tuo conto corrente!

Condividi

Acquista il film

“The Weather Man – L’uomo delle previsioni” è un film del 2005 di Gore Verbinski, con Nicolas Cage e Michael Caine.

 

Acquista il libro

Scena sulla fiducia tratta dal film "L'uomo delle previsioni"“Le 7 Regole per Avere Successo” di Stephen R. Covey – Acquistalo su Macrolibrarsi.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679