Scena sulla conoscenza: Ci fa sembrare degli incompetenti

65544

Presentarsi ad un incontro senza aver studiato a fondo la materia in esame, “ non è il massimo” . La  conoscenza infatti è la prima condizione che permette di sedersi al tavolo delle trattative, da non confondere con la competenza, solitamente vagliata negli incontri successivi. Nessuno vuole avere a che fare con chi, invece, sembra essersi smarrito. L’incertezza non è di certo la chiave per raggiungere il successo! La sicurezza di sé, una buona presentazione fisica (dress for success, un bel sorriso, una stretta di mano vigorosa), purtroppo non bastano: ad un certo punto saranno “le ore passate ad approfondire l’argomento” a parlare per noi.

In questa scena tratta da “ La grande scommessa” , Jamie e Charlie sono emozionati per il colloquio che potrebbe permettergli di “ sedere al tavolo dei grandi”. Sono visibilmente nervosi, ma cercano di darsi un tono;  incontrano “Chris”, che “ sta alla scrivania con Ted”: il loro contatto. E’ piuttosto chiaro: ci sono degli step da superare prima di poter accedere all’incontro. Ti invito a riflettere sul fatto che, espliciti o impliciti, questi step ci sono ogni volta che ci apprestiamo a stringere una partnership con qualcuno. Mi stupisco sempre quando mi ritrovo al “tavolo della collaborazione” con persone che oltre al proprio entusiasmo non hanno nulla da offrire: non la competenza, nessuna risorsa materiale e neppure quella “conoscenza” approfondita dell’argomento tale da permettere loro di essere almeno ascoltate. Poi per delicatezza e tatto lo si fa sempre, ma difficilmente la “superficialità” ti farà passare la selezione, perché di questo si tratta, anche se non è palesato.

Per quanto oro vale un minuto del nostro tempo, tutti noi vorremmo investirlo al meglio evitando di sprecarlo con persone che non sanno neppure di cosa parlano.  E’ proprio il caso di Jamie e Charlie.

Quando sembra che le cose stiano andando bene, Jamie fa un grosso scivolone:

“ Vorremmo stipulare un accordo ISDA con J.P.Morgan, in modo da poter trattare opzioni a lungo termine”

“ E’ davvero fantastico, ma sfortunatamente siete sotto i requisiti patrimoniali minimi per un’ ISDA”

“ Sotto di quanto?”

“Ehm … di un miliardo e quattrocentosettanta milioni, quindi … tanto!”

Immaginate la sensazione di malessere allo stomaco quando i due ragazzi si rendono conto di non conoscere i requisiti minimi patrimoniali dell’accordo! La loro superficialità, non gli ha permesso neanche di accedere all’ufficio per il vero e proprio colloquio; si sono fermati all’anticamera.

Spesso pensiamo che le cose accadano semplicemente perché “ devono accadere”. Salute, felicità, prosperità, è solo una questione di trovarsi “ al posto giusto e al momento giusto”. Tuttavia cosa succede se il momento arriva, il posto è quello, ma non siamo preparati a cogliere l’occasione? Se vogliamo ottenere un risultato nello studio dobbiamo leggere e studiare la materia; se vogliamo ottenere un lavoro, dobbiamo diventare la persona più qualificata per quella posizione; se vogliamo essere felici, dobbiamo osservare le persone giuste e in pace, e impegnarci a vivere come loro.

Salire di step, puntare ad un gradino superiore della nostra crescita privata o professionale, significa spostare il focus verso un punto più in alto. La conoscenza ci aiuta ad orientarci in questa sfida! Solo informandoci e approfondendo i contenuti possiamo infatti avere una sicurezza maggiore ed entrare in partita.

Se ce ne fosse ancora bisogno, ecco la scala dell’apprendimento i cui scalini non possono essere saltati :

  • Il SAPERE(conoscenze)
  • Il SAPER FARE(capacità, abilità ed esperienze)
  • Il SAPERE ESSERE(comportamenti, atteggiamenti, stile personale)

Dunque si inizia così! Con le ore passate a studiare ed approfondire, qualsiasi sia il tuo obiettivo. Oggi il web ci aiuta a fare quello che qualche decennio fa era impensabile. Il duro lavoro sarà ripagato quando nessuno ci guarderà dicendo: “ ma ehi, fateci una telefonata in futuro!”

Il futuro è ora, ci siamo arrivati perseverando sulla strada dello studio.

Chi attribuisce alla crisi i propri fallimenti e disagi, inibisce il proprio talento e dà più valore ai problemi che alle soluzioni. La vera crisi è l’incompetenza. 

Albert Einstein

Condividi

Acquista il film

La grande scommessa (The Big Short) è un film del 2015 diretto da Adam McKay, tratto dal libro di Michael Lewis Il grande scoperto (The Big Short: Inside the Doomsday Machine). Acquistalo su Amazon

Acquista il libro

“Fuoriclasse (eBook)-Storia naturale del successo”, Malcolm Gladwell- Acquistalo su ilGiardinodeiLibri.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679