Scena sulla comunicazione: una “taliata” di troppo

64880

Per “comunicazione” si intende quell’articolato processo di interazione che coinvolge due o più interlocutori che, previa la costruzione di una relazione, utilizza l’ascolto e l’utilizzo del linguaggio (in tutte le sue forme) per giungere alla trasmissione di informazioni, richieste o comandi. In tutto il processo le parti in gioco sono coinvolte in un continuum all’interno di un’interazione basata sullo scambio di una molteplicità di informazioni.

Comunicare, quindi, non è semplicemente parlare e non è un processo lineare da A a B e da  B a A: è invece un processo interattivo di tipo circolare, nel quale ci sono continui effetti di calibrazione e retroazione che avvengono con lo scambio e la ricezione di segnali (linguistici e comportamentali).

Il coinvolgimento di più tipologie di segnali scambiati permette di affermare che Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione…” – (secondo assioma della “Pragmatica della comunicazione umana” – P.Watzlawick et al.) –  laddove l’aspetto di contenuto si riferisce alla componente verbale della comunicazione (à quello che dico) e l’aspetto di relazione è trasmesso dalle componenti paraverbale e non verbale (à come lo dico con l’uso della voce e cosa faccio mentre lo dico con il linguaggio corporeo).

È assolutamente fondamentale sapere che, come spiega l’assioma nella sua interezza, l’aspetto di relazione contestualizza quello di contenuto e, di fatto, costituisce una meta-comunicazione,  di grado più elevato e più potente. È in grado di confermare e rafforzare il significato delle parole, quanto di aggiungere altri significati o, addirittura, di negarlo completamente.

Comunicare e relazionarsi in maniera efficace richiede quindi competenze specifiche e consapevolezza, perché il linguaggio non verbale è quello che rispetta fedelmente la vera natura dei sentimenti e delle intenzioni della persona.”

Per evitare che capiti ciò che è successo al Commissario Augello nella scena dell’episodio, nella comunicazione e nella relazione interpersonale si deve sempre porre attenzione a tutti i livelli, perché se i messaggi sono incoerenti prevalgono gli aspetti inconsci: il paraverbale e il non verbale.

Infatti, “taliando” (ovvero guardando “in un certo modo”) il sig. Nicotera -direttore del supermercato, il dott. Augello ha inconsciamente e involontariamente trasmesso dei messaggi che sono stati recepiti – evidentemente – come accusatori, a differenza del mero significato delle sue domande, di fatto “neutre”.

M: Lei perché si è arrabbiato per delle domande normalissime?

N: Ma io non mi sono arrabbiato per la domanda, ma per la taliata.

M: La taliata???

N: Sissignore, per la taliata. Mentre mi faceva la domanda il dottor Augello, mi taliava come per dire:      “Io lo so che sei tu il colpevole, a mia non mi pigghi per fisso!”

 

Condividi

Acquista il film

Il commissario Montalbano è una serie televisiva italiana, prodotta dal 1999 e trasmessa dalla Rai. Guardalo su RaiPlay 

Acquista il libro

Il Potere delle Parole e della PNL – I modelli linguistici della Programmazione Neuro-Linguistica per cambiare le convinzioni limitanti“, Robert Dilts  – Acquistalo su IlGiardinodeLibri.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679