Scena sulla fiducia: Non me lo sarei mai aspettato

10924
Tema Principale Utilizzalo anche per

Di Virginio De Maio

Quello della “fiducia” in azienda è un tema controverso. Fidarsi , non fidarsi, lasciare che sia il nostro intuito a decidere oppure scegliere dopo una seria analisi dei rischi? Come sempre “dipende” è la risposta saggia che ci toglie dall’imbarazzo di sbagliare. E molto dipende dalle tue esperienze passate, da quanto la tua fiducia è stata tradita o rinforzata, proprio come un muscolo.
Per me ad esempio, non è stato sempre “rose e fiori”, anzi ! L’esatto contrario. Sette anni fa, in un giorno qualunque, il mio “miglior amico”  mi volta le spalle portando con sé ottantacinquemila euro in beni di diverso tipo. Era stato mio amico per 20 lunghissimi anni.
Da quel momento le mie convinzioni oscillano tra  “fidarsi è bene, non fidarsi è meglio”e la più gandhiana “più dai e più hai” . La scena che accompagna l’articolo , tratta dal film “Trust -fidati”, ci da lo spunto per comprendere a fondo cosa sia la fiducia e perché a volte la “fiducia cieca” è una cosa stupida che non porta da nessuna parte. (Altre scene sulla fiducia le trovi nella nostra membership)  

Si lancerà Matthew dal muro, oppure no? Ma soprattutto, si fida di Maria ? E’ davvero una questione di fiducia ? 

La fiducia è un’emozione inconscia che ci rende vulnerabili verso l’altro. In mancanza di essa, ci blocchiamo, analizziamo molti più dettagli e tutto diventa più lento. Gli studi di Stephen M. R. Covey dimostrano come l’assenza di fiducia renda tutto più costoso, mentre fidarsi è un modo per  guadagnare di più. Quando faccio questi discorsi, le persone a me vicine mi chiedono se poi la mazzata non mi sia bastata.

Cito le parole di Jack Nicholson rivolte al figlio nel film “Come lo sai?”:

Non ci si fida mai di nessuno, né di lui né di me. Il cinismo è sanità mentale (…), per le tue grandi idee di fiducia e di creatività potremmo essere inevitabilmente costretti a strisciare da un sostituto procuratore 

La verità è che quando fui “fregato”, il caso volle che fossi molto vicino a Mr Covey, e assorbii molte delle sue idee. Tra queste, quella che ha cambiato il mio punto di vista sulla questione, mise a nudo una mia grande debolezza:

siamo portati a pensare in termini di perdita: “Cosa ci perdo se la mia fiducia venisse tradita?”; e mai in termini di guadagno: “Cosa ci guadagno ogni giorno, quando la mia fiducia viene ricambiata?”. All’improvviso ho dovuto accendere i riflettori sulle decine di collaboratori e soci che ogni giorno ricambiano quella fiducia e senza i quali mi sarebbe difficile “progredire”. Insomma se mi fossi fermato al “fidarsi è bene, non fidarsi è meglio”, avrei smesso di crescere penalizzando uomini e donne meritevoli di fiducia.

Lo so che non è semplice, e non lo è stato neppure per me. Per i successivi sei mesi dall’accaduto ho patito l’inferno. Ma come dice Steve Jobs ” i puntini si uniscono solo alla fine”.

Nella scena, quando Mattew sale sul muretto dice: “Non è questione di fiducia”, ma in effetti lo è. La fiducia è fatta di due fibre, una è il carattere (rispetto, etica, integrità morale), e Maria ne sembra un esempio, ma l’altra è la competenza (preparazione, abilità, esperienza) e Maria ne è sicuramente sprovvista.

Ecco io sono stato tradito dall’assenza di carattere. In altri casi sono stato tradito dall’assenza di competenza ma questo è un errore al quale è più semplice rimediare.

Considera la seguente implicazione: un tuo collaboratore ti viene raccomandato come una persona molto corretta, ma incapace di relazionarsi con clienti difficili. Gli affideresti quella trattativa importante?

Viceversa, se fosse scaltro e acuto nelle relazioni, ma la correttezza non fosse il suo forte. Cosa faresti? Probabilmente in entrambi i casi avresti dei forti dubbi, ma nel primo caso potresti pensare di aiutare il collaboratore a superare il gap, a formarsi e diventare più bravo nella sua capacità negoziale. Nel secondo caso, invece, chiuderesti la questione con un “no” secco.

Evidentemente “carattere e competenza” sono essenziali per generare quella propulsione di affidamento e questo è vero nella maggior parte dei casi, tranne uno, i figli. Per loro il nostro “mi fido di te” va oltre la competenza, sfocia nell’amore che è la forma più alta dell’etica. Per un figlio saresti capace di “lanciarti dal muro” in qualsiasi momento.

Ma è pur vero che in azienda non siamo “genitori” e la fiducia va guadagnata. L’importante è credere che sia una componente fondamentale per il progresso e per il profitto a lungo termine, dobbiamo costruirla, cercarla e riconquistarla in ogni momento.

Condividi

P.S.: tutte le scene per motivare te stesso e gli altri le trovi nella nostra membership, qui trovi le nostre promozioni:

https://www.ilcinemainsegna.it/iscrizione

“…se caso mai non vi rivedessi…
  
buon pomeriggio, buona sera e buona notte!”…
 

(The Truman Show)

Virginio

Acquista il film

Trust - FidatiTrust – FidatiUn film di Hal Hartley con Martin Donovan, Adrienne Shelly, Merrit Nelson – Titolo originale “Trust”. USA/Inghilterra, 1990

Acquista il libro

Stephen M.R. Covey La Sfida della FiduciaLa Sfida della Fiducia – Velocità ed efficacia nelle relazioni di business e nella vita privata di Stephen M.R. Covey – Acquistalo su macrolibrarsi.it

6 commenti

  • Jose' - RicchezzaVera.com 4 anni fa

    eh, ma non puoi fermare la scena senza dirci come va a finire!!! 😀

    Rispondi
  • Virginio De Maio 4 anni fa

    eh si Josè ..alla fine non si butta !!!
    ma sai quella povera Maria che fine farebbe ?!!!

    Rispondi
  • Antonella Bastone 4 anni fa

    Cara Letizia,
    mi chiamo Antonella Bastone, sono una pedagogista di Torino, mi occupo di formazione e ricerca in campo eduativo e sociale. Seguo da tempo “Il Cinema insegna” perchè mi piace, quando possibile, inserire qualche contrbuto cinematografico nelle mie lezioni. In università, come professore a contratto, mi occupo di disturbi del comportamento alimentare, affrontando il tema in chiave pedagogica, ossia cecando di rilevare le buone pratiche educative che aiuterebbero i pazienti (da qui la mia pubblicazione “La relazione educativa nella cura dei disturbi alimentari. Il ruolo di genitori, insegnanti, educatori e massmedia”). Pensavo che, data la preoccupante attualità del tema, potrebbe essere affrontato in questa rubrica. Nei miei corsi mi capita di far vedere qualche spezzone di “Male di miele”…
    Buon lavoro!

    Rispondi
  • Vincenzo 4 anni fa

    Ma alla fine si butta o non si butta??? 🙂

    Rispondi
  • Virginio De Maio 4 anni fa

    No..Vincenzo , alla fine non si butta .
    Io farei lo stesso. Non mi fiderei della “competenza” di Maria …

    Rispondi
  • Antonio 4 anni fa

    …….. e quando vieni tradito dalla persona che ti è stata accanto per 21 anni alla quale hai anche salvato la vita portandola in giro per il mondo per curare il suo male e ti porta via tutto come si fa?

    Rispondi

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679