Scena sulla diversità: Non è loro usanza

270

Il Contesto

Il Capitano Algren è stato catturato dagli uomini di Katsumoto e nella tradizione Samurai un guerriero disonorato dalla sconfitta dovrebbe uccidersi. Tuttavia la comprensione di Katsumoto spiazza i più fedeli soldati.

Il punto di vista del trainer

Samurai: Mio Signore perché risparmi il barbaro? E’ disonorato dalla sconfitta. Dovrebbe togliersi la vita!
Katsumoto: Non è loro usanza!
In questa brevissima risposta è racchiuso tutto il significato della scena.
Katsumoto capisce che nella cultura americana non è previsto l’Harakiri, l’atto del suicido a seguito della sconfitta.
Con un gesto di profonda comprensione risparmia il nemico e valorizza le diversità. Fedele al principio “La mappa non è il territorio” preferisce approfondire le differenze che lo dividono dal prigioniero.
In realtà, il film intero “L’ultimo samurai”, è una metafora di quello che accade con la comprensione umana.
Il de briefing che segue la scena potrebbe mettere l’accento su quello che accade nel seguito del film. Katsumoto fa il primo passo rispettando il nemico (interpretato da Tom Cruise), ma quest’ultimo diventa il più grande alleato e l’ultimo dei samurai in vita.
Tanto è potente l’influenza di chi rispetta l’assioma “la mappa non è il territorio”, e questo è quello che accade quando la comprensione trascende l’ego: le persone si influenzano a vicenda.
Anzi il rispetto delle diversità è la prerogativa del carisma e della persuasione.

Acquista il film

“L’ultimo samurai” Un film di Christine Jeffs, con Edward Zwick con Tom Cruise, Ken Watanabe – Titolo originale “The Last Samurai”. USA, 2003

Acquista il libro

“Ottanta Giorni per Capirsi – La programmazione neurolinguistica” di Nelly Bidot, Bernard Morat – Acquistalo su macrolibrarsi.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679