Scena sul talento: Le gare non si vincono con le gambe, ma con la mente

9574
Tema Principale Utilizzalo anche per

Di Virginio De Maio

L’altro giorno leggendo il libro di Natascia Pane “No Limits”, pensavo a quante persone credono di non avere talento e quante invece si affidano esclusivamente ai doni innati, senza lavorare duro per affinarli e ottenere i risultati che davvero meritano.

Diceva Calvin Coolidge: “Niente al mondo può sostituire la tenacia. Il talento non può farlo: non c’è niente di più comune di uomini pieni di talento ma privi di successo. Il genio non può farlo: il genio incompreso è quasi proverbiale. L’istruzione non può farlo: il mondo è pieno di derelitti istruiti. La tenacia e la determinazione invece sono onnipotenti”.

E’ una questione davvero controversa. Non vi è dubbio che un mix di tenacia e talento conduca prima e meglio al successo. Per questa ragione mi è piaciuto “No limits”, perché oltre a dare gli strumenti giusti per riconoscere i propri talenti ti aiuta a superare gli ostacoli – soprattutto mentali – che si frappongono tra te e la vita che vuoi vivere.

Un esempio è questa scena tratta dal film “Race – Il colore della vittoria”, basato sulla storia di Jesse Owens. L’atleta nel 1936 vinse 4 medaglie d’oro alle olimpiadi di Berlino, superando limiti imposti come quelli dell’ideologia razziale di Adolf Hitler e limiti motivazionali.

Pur avendo un ottimo curriculum e delle referenze “di ferro”, Jesse affronterà lo scetticismo di coach Snyder, abituato a vedere giovani di talento cadere di fronte alle sfide del duro lavoro.

Larry Snyder: “Hai un talento naturale. Non mi fido di quelli così. Tu sai correre, lo ammetto. E, per la miseria, sai saltare! Ma io voglio sapere se sai vincere […]. Le gare non si vincono con le gambe, ma con la mente”.

Forse non è vero in assoluto, dal momento che lo stesso coach suggerisce all’atleta di cambiare la partenza e la postura, dunque la strategia conta?  il metodo conta?

Nella ricetta completa, ogni cosa sembra avere un proprio peso, ma di certo: senza l’atteggiamento giusto è difficile avanzare. Non è solo una questione di risultati, ma col passar del tempo sta diventando una questione di sopravvivenza.

Concorrenza spietata e tecnologia a basso costo rendono il mondo del lavoro sempre più competitivo, ponendo in bilico la sostenibilità aziendale e personale. Tuttavia, se è vero che riconoscere i propri talenti e superare i propri limiti è diventata una vera necessità, a fare la vera differenza è soltanto una grande motivazione.

Quando vidi la locandina del film “Race”, c’era scritto:

“Non aveva nulla da perdere. Quindi vinse tutto”.

P.S.: Se vuoi prendere la copia di “No Limits”, ti lascio il link diretto:

http://bit.ly/2tsJYmM

Condividi

“…se caso mai non vi rivedessi…

buon pomeriggio, buona sera e buona notte!”…

(The Truman Show)

Virginio

Acquista il film

“Race – Il colore della vittoria” Un film di Stephen Hopkins con Stephan James, William Hurt, Jeremy Irons, Jason Sudeikis – Titolo originale “Race”. USA, 2003

Acquista il libro

“No Limits – Talenti senza limiti per realizzare la tua vita”, di Natascia Pane – Acquistalo su Macrolibrarsi

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679