Scena sul successo: Il successo riguarda i progressi

1636
Tema Principale Utilizzalo anche per

Di Virginio De Maio

Questo spezzone tratto dal film “Friday Night Lights” sembra quasi un tentativo mal riuscito di imitare “Ogni maledetta domenica”, la famosa scena in cui Al Pacino motiva i giocatori negli spogliatoi. Quel pezzo è talmente abusato nel mondo della formazione, che a guardarlo mi procura l’effetto contrario.

Tornando alla scena proposta, ho deciso di recensirla perché alcuni passaggi risuonano con le mie corde.

La perfezione ad esempio.

La perfezione non ha niente a che spartire con il tabellone, non è vincere. Riguarda noi stessi e come ci comportiamo con le nostre famiglie, con i nostri amici. Essere perfetti significa poter guardare gli amici in faccia e sapere che non li abbiamo delusi, perché gli abbiamo detto la verità e abbiamo fatto tutto quello che eravamo in grado di fare. Non c’era niente di più che avremmo potuto fare. Riuscite a vivere con questo spirito? Al meglio che potete, con sguardo limpido? E l’amore nei vostri cuori? con la gioia nel cuore? Se riuscite a fare questo signori, allora sarete perfetti!

L’idea di perfezione che abbiamo è spesso un piano per il fallimento, dal momento che i criteri per raggiungerla non sono i nostri, ma sono appresi dall’educazione, dalle aspettative degli altri o della società.

Nasciamo perfetti. Un bambino che si diverte con la carta regalo, anziché col giocattolo, esprime un’idea di perfezione che con gli anni gli verrà sottratta: fai quello che ti piace a prescindere da ciò che dicono gli altri. Hai presente quando un bimbo gioca felice con l’involucro o con lo scatolo e tutti vogliono fargli apprezzare il regalo che gli è stato fatto?

Si inizia così, fino a quando, per il bisogno di essere approvati, cominciamo a ricercare una perfezione che non esiste. Misurarsi con se stessi e andare a dormire sapendo di aver fatto il possibile per se stessi, per la propria famiglia, per i propri amici, è un bellissimo significato di perfezione.

Perché dipende da te
Perché non ci sono paragoni, se non con la persona che sei stato ieri
Perché ci ricongiunge con i principi inscalfibili della vita

Quando si è giovani, la perfezione è raggiungere gli obiettivi. Poi si cresce, e diventa godersi il percorso mentre li raggiungi. Come dice il coach Gary Gaines: La perfezione non ha nulla a che spartire con il tabellone, non è vincere; se pensi questo, sei destinato ad una vita di sofferenza, perché si vince e si perde nel corso dell’esistenza. Ma se invece, ti impegni per fare il meglio che puoi con quello che hai, allora quella sensazione di serenità e di congruenza probabilmente ti porterà alla vittoria e al raggiungimento dei tuoi traguardi. Ora sei perfetto.

Gli altri guarderanno i tuoi risultati e diranno: Ma come ha fatto?
Se un giocatore di golf volesse centrare una buca a distanza di centinaia di metri, le probabilità di fallire sarebbero molto alte. Con un fallimento arriva la frustrazione, con due fallimenti, spesso, arriva la rinuncia.

Ma se fai il meglio che puoi, sapendo di avvicinarti alla bandierina, e poi ancora il meglio che puoi sapendo di avvicinarti alla buca, i tuoi progressi ti porteranno alla vittoria. Come dice il mio amico Max Formisano: “Il successo riguarda i progressi, non la perfezione”.

Condividi

P.S.: tutte le scene per motivare te stesso e gli altri le trovi nella nostra membership, qui trovi le nostre promozioni:

https://www.ilcinemainsegna.it/iscrizione

“…se caso mai non vi rivedessi…
  
buon pomeriggio, buona sera e buona notte!”…
 

(The Truman Show)

Virginio

Acquista il film

Friday night lights“Friday Night Lights” Un film di Peter Berg con Billy Bob Thornton, Lucas Black, Garrett Hedlund. USA 2004

Acquista il libro

René Egli Il Principio LOL2AIl Principio LOL²A – La perfezione del Mondo di René Egli – Acquistalo su macrolibrarsi.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679