Scena sull’impresa: il business plan

233

Il Contesto

Da una passione nasce l’azienda dei fratelli Kelly. Dopo aver lasciato il lavoro da dipendente, il fratello maggiore decide di sfruttare il posto e le conoscenze per creare il proprio brand, ma le difficoltà saranno diverse. Soprattutto mancano i soldi per investire; cosa si inventeranno?

Il punto di vista del trainer

Drift – Cavalca l’onda è un film che ogni imprenditore dovrebbe vedere. Insegna il marketing, la resilienza e le strategie di avviamento.
Proviamo a descrivere i passaggi salienti, ritagliati e assemblati nella sequenza proposta.

Siamo negli anni ’60, il boom economico del dopoguerra portava con se una serie di contraddizioni; da un lato lo sviluppo sfrenato, dall’altro le convinzioni radicate delle banche.
Andy è il fratello maggiore che lascia il lavoro da dipendente in una fabbrica per creare il “marchio” di famiglia legandolo al posto in cui vivono e alla passione per il surf.

Andy, per avviare l’impresa e far apprezzare i propri prodotti, offre ai clienti la garanzia “soddisfatti o rimborsati”. Anzi si spinge oltre quando promette al cliente di regalargli la muta nel caso in cui non dovesse piacergli la tavola. Una mossa da marketer navigato.

1° regola: in fase di avviamento “rimetterci denaro” significa investire per l’acquisizione di nuovi clienti.
La sicurezza che il ragazzo ostenta è simbolica di chi conosce la qualità del prodotto e per questo diventa un veicolo di fiducia.

Ai primi rifiuti della banca, i fratelli Kelly non demordono e chiedono “credito” direttamente ai fornitori. Le difficoltà che l’imprenditore incontra sul proprio cammino sono una prova di resistenza e superarle dimostra quanto ci tiene a realizzare il sogno.

2° regola: è un dato di fatto che le persone non crederanno in quello che stai per fare. Ti inviteranno a mollare e a tornare alla tua vecchia vita.

Andy e Jimmy se ne vanno in giro per la costa a vendere le tavole da surf, ma questo atteggiamento proattivo non basta alla banca per ricredersi. Il surf, all’epoca, era uno sport nuovo e il “nuovo”, si sa, è un problema per i conformisti. “Le nostre attrezzature migliorano la qualità della loro vita”, questa è la missione dei Kelly che conoscono bene le potenzialità del loro mercato.

3° regola: avere una missione chiara e un mercato di riferimento in cui coltivarla.

Il coraggio, la sicurezza e l’intraprendenza dei due giovani attirano persone disposte ad aiutarli. Percy è un pensionato del posto che decide di investire nell’impresa e così sarà possibile incrementare la produzione e allestire il punto vendita.

4° regola: le fonti di finanziamento possono arrivare anche da canali non tradizionali. Se si persiste nell’impresa si attirano i capitali giusti.

Dopo i primi successi, l’azienda Kelly viene avvicinata da uno sponsor che insiste per creare una partnership commerciale. I soldi fanno gola ai soci, ma Andy, nonostante le difficoltà, resiste al ricatto, convinto che i due marchi non hanno nessuna affinità e che la partnership confonderebbe i clienti.

5° regola: società e partnership devono essere valutate in base all’impatto futuro e non in base al bisogno presente.

Il premio finale è la diretta conseguenza della determinazione con cui l’imprenditore ha creduto nel suo sogno. Prima o poi, se credi in qualcosa, il mondo intorno a te ne comincia a parlarne e il passaparola è la forma di marketing più potente.

Acquista il film

“Drift – Cavalca l’onda Un film di Ben Nott, Morgan O’Neill con Sam Worthington, Xavier Samuel, Myles Pollard – Titolo originale “Drift”. Australia, 2013

Acquista il libro

“Strategia Oceano Blu – Vincere senza competere” di W. Chan Kim, Renée Mauborgne – Acquistalo su macrolibrarsi.it

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ho preso visione dell'Informativa Privacy ed acconsento al trattamento dei dati personali sulla base di quanto disposto dal Regolamento UE 2016/679