Scena sulla disciplina: Il valore dell’attesa

4369
Tema Principale Utilizzalo anche per

Di Virginio De Maio

Il Contesto

Una scena toccante , che parla del difficile equilibrio che intercorre tra il “bene” e la crescita di un figlio. Quando la cecità colpisce il piccolo Ray , la madre dovrà decidere come aiutarlo e prepararlo a momenti più duri . Una vera lezione di vita , tratta dalla storia autobiografica di uno dei musicisti più controversi ed apprezzati della storia

Il punto di vista del trainer

La storia di Ray Charles non è stata per niente facile . La sua adolescenza è stata contrassegnata dalle ombre della droga e di episodi che hanno minacciato la sua incolumità .   Probabilmente se non fosse stato per l’atteggiamento della madre, durante l’infanzia e l’adolescenza, non avremmo mai potuto apprezzare uno dei musicisti più importanti al mondo .

La scena è un esempio utile per riprendere riflessioni molto importanti. Avrebbe potuto aiutarlo a rialzarsi velocemente ? Certo che si . Ma con quale risultato?
Metaforicamente quando ci apprestiamo a correre in aiuto di una persona, non stiamo permettendo allo spirito “guerriero” di venire fuori ; non stiamo dando la possibilità a quest’individuo di esercitare il muscolo della “resilienza” .

Oggi più che mai, l’assenza di “resilienza” è una piaga sociale.
Se è possibile evitare le strade più lunghe a vantaggio di scorciatoie e rimedi rabberciati, le nuove generazioni si ci tuffano volentieri,  a volte a scapito dei risultati e della resistenza a lungo termine.
Inutile dire che questo tipo di atteggiamento non porta da nessuna parte.
Continuamente vediamo persone frustrate e rinunciatarie, molto spesso vittime di un’educazione troppo permissiva.

La madre di Ray è un esempio per tutti coloro che continuano a chiedersi quale sia l’atteggiamento che premia di più . A lungo termine , l’investimento “emotivo” in sacrifici e fatica è incomparabile in termini di resa , equilibrio e soddisfazioni.

Condividi

Acquista il film

“Ray” – Un film di Taylor Hackford con Jamie Foxx, Regina King, Kerry Washington, Curtis Armstrong – USA  2004

Acquista il libro

londa-del-coaching-libro“L’onda del coaching – Come favorire un’evoluzione consapevole” di Giovanna Giuffredi – Acquistalo su piccin.it

8 commenti

  • Josè Scafarelli 1 anno fa

    mamma mia, che strizzata al cuore questa scena!!!
    e quando insegna!
    Mamma mia… ancora mi batte il cuore!
    Questa mi sa che potrei usarla in qualche corso…
    Sei fortissimo Virg! 🙂

    Rispondi
  • Josè Scafarelli 1 anno fa

    me le permetti 2 cose?
    trovo detestevole il fatto di non avere il campo in cui mettere il nome del mio sito e il dover mettere i capcha per lasciare un commento.
    Credo sia un forte deterrente per molti…
    Scommettiamo che se cambi ste 2 cose inizi sin da subito a riceverne molti di più? 🙂

    Rispondi
  • Cristina 1 anno fa

    Un bellissimo video . Altro che usarlo per gli altri, come prima cosa lo uso per me . Mi ha permesso di riflettere su come sto educando i miei figli. Sul concetto del tutto e subito e “il valore dell’attesa” . Grazie per il tuo commento perché ci permette di vedere le cose da una prospettiva più ampia .

    Rispondi
  • Raffaele Bastinelli 1 anno fa

    tutta la società è viziata dal piacere immediato. E come società dobbiamo imparare ad aspettare per ottenere le cose, quelle buone naturalmente.

    Grazie per questo spunto molto interessante, individuato in un film che io non avrei mai visto. Vi seguo con passione . Raffaele

    Rispondi
  • Virginio De Maio 1 anno fa

    Grazie per i vostri feedback.
    Anche io Raffaele probabilmente non avrei mai visto un film su Ray Charles; ma ho imparato che in tutti i film ci sono messaggi utili, quindi oggi non giudico più secondo i miei gusti . Ho fatto una scelta professionale e i nostri clienti si aspettano di trovare “rivelazioni” improbabili nella nostra banca dati .
    Quindi guardo di tutto ….(a volte non ti dico cosa mi tocca guardare 😉
    Ad majora
    Virg

    Rispondi
  • Maria Carmela 1 anno fa

    Utilissima ed emozionante questa scena. Vale più di mille corsi, mille parole, mille argomentazioni. Grazie per la scelta

    Rispondi
  • Giorgio F. HR 1 anno fa

    Resilienza e motivazione sono strettamente collegati tra di loro. Mi ritrovo nel commento, anche se non è tutto, bisogna anche dire che spesso manca l’altra parte, ovvero gli strumenti per potersi rialzare.
    Dobbiamo combattere anche contro la superficialità . forse sarebbe utile guardare qualche scena a proposito . Comunque grazie per il bel lavoro che fate .
    Giorgio

    Rispondi
  • Virginio De Maio 1 anno fa

    Certamente Giorgio la questione non può essere risolta dalla sola resilienza …..
    è superficiale chi lo pensa. Se ti riferisci a qualche scena sulla professionalità e competenza, ti invito a prendere in considerazione l’idea di iscriverti alla membership riservata . Ci sono decine e decine di esempi. Altrimenti se vuoi , segui anche il blog gratuito . Mediamente ogni settimana commentiamo qualche scena, magari trovi quello che cerchi.

    A presto
    Virg

    Rispondi

Aggiungi il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.